« Per favore, togliete tutti i gadget dai blog! | Main | Il 28 agosto siamo a Feltre, passate a trovarci »

Twitter: come spammare dignitosamente

Sapete che da un po' sono su Twitter per "spammare" un po'

Ok, vediamo qualche consiglio per farlo in modo dignitoso e senza far scappar via tutti i propri follower ed ovviamente guadagnando qualcosina. Ovviamente con una premessa. Su Twitter ci si sta principalmente perché ci diverte. Se il motivo è solo far Web Marketing, allora c'è da fare qualche calcolo e riconsiderare qualcosa.

Fatta la premessa, iniziamo.

  • Scrivete post e pagine con URL molto corte, così "twuittandole" non vi servirà usare i programmi di tinyurl. Se non ne capite il vantaggio, beh, smettete di leggere questo post!
  • Scrivete sempre una decina di caratteri in meno di testo sul tweet, così chi fa RT non si mangia testo (e URL, soprattutto).
  • Scrivere SMS style è fondamentale, perché ogni carattere risparmiato vi consente di precisare meglio.
  • Non "spammate" tutti i giorni, altrimenti correte il rischio di essere considerati spammatori
  • Ogni tanto fate un giro dei vostri follower e fate pulizia. Decidete voi il criterio, ma fatelo. Io per esempio cancello tutti quelli stranieri.
  • Non "twittate" sempre cose vostre, altrimenti qualcuno potrebbe pensare che siete Dio
  • Ringraziate chi vi #FF, nella vita reale lo fareste, no?
  • Comprate un cellulare decente. Non possiamo permetterci di stare a far nulla aspettando il tram. Un tweet in più è sempre guadagnato

A proposito, spegnete Twitter quando fate sesso, perché se avete qualche meccanismo di tweet automatico, potrebbe mandare in onda cose imbarazzanti

Commenti (4)
Raben:

Hai scritto che: "Scrivete post e pagine con URL molto corte, così "twuittandole" non vi servirà usare i programmi di tinyurl. Se non ne capite il vantaggio, beh, smettete di leggere questo post!"

Scusa ma non ho capito quale svantaggio dovrebbe avere usare servizi come Tinyurl o meglio bit.ly.

- Dal punto di vista SEO non ci sono vantaggi perché comunque i link su Twitter sono nofollow.

- I servizi come bit.ly fanno correttamente un redirect 301 ed hanno una infrastruttura molto affidabile dal punto di vista dell'uptime quindi il pericolo di avere dei broken link è abbastanza remoto.

- bit.ly da la possibilità di monitorare i click sui link che abbiamo inserito risparmiandoci la necessità di inserire parametri di tracciamento aggiuntivi.

- Gli URL shortener danno la possibilità di scrivere nelle URL quello che vuoi rendendole più chiare ed inoltre il loro uso è talmente diffuso che qualunque utente di twitter ha familiarità con essi.

- URL più brevi danno la possibilità di scrivere di più ed è difficile battere un servizio di URL shortening che hanno domini brevissimi. Una URL completa tipica di bit.ly è in genere più breve del solo nome di dominio di questo blog e di tanti altri siti.

Alla luce di questo regionamento la tua affermazione mi sembra *senza senso*, oppure qualcosa mi sfugge. Potresti spiegare a quelli come me che non l'hanno capito quale vantaggio può avere non usare servizi di abbreviazione delle URL?

fradefra:

Raben, perché pensi alla SEO? Io parlo di altro :)

Spiegare in un commento perché ritengo preferibile la URL diretta è troppo troppo lungo, farebbe nascere una discussione senza fine che ho già avuto modo di sostenere molte volte (ovviamente sempre controcorrente), quindi, perdonami, ma non ho troppa voglia di ricominciare.

Accetto che ti sembri senza senso, con il conseguente giudizio che potrai ricavarne :)

Poi un giorno, al telefono, se vuoi, ti spiego come la penso. Già così ci vorrà mezz'ora!

Raben:

Scusa ma io ho articolato il mio commento in 5 punti fra cui uno solo era dedicato alla SEO (il primo). Gli altri riguardavano sostanzialmente il garantire una buona esperienza a chi legge il messaggio ed un miglior sfruttamento del mezzo da parte di chi scrive. Quindi non capisco perché liquidi la mia obiezione con l'affermazione: "perché pensi alla SEO? Io parlo di altro".

Perdona la franchezza ma il fatto che tu non sia in grado di spiegare sinteticamente le tue ragioni nello spazio, neppure tanto esiguo di un commento, mi preoccupa un po'. Solitamente capita a chi ha difficoltà ad esprimersi o non ha nulla da dire. Entrambe cose che non sono un buon segno per chi si occupa di marketing e scrive un blog ;-).

Forse però preferire la URL diretta ad una accorciata in un tweet è davvero una questione tanto profonda e complessa da aver bisogno dello spazio di un tomo, nel qual caso ne attendo la pubblicazione, e perché no, una lectio magistralis telefonica :-).

fradefra:

-->"... Solitamente capita a chi ha difficoltà ad esprimersi o non ha nulla da dire. Entrambe cose che non sono un buon segno per chi si occupa di marketing e scrive un blog ;-)..."

Hai ragione, è proprio così. Non ho nulla da dire e quel poco che potrei, non so lo dire. I libri li lascio scrivere agli altri, io mi limito a leggere e per lo più non capisco quasi nulla di ciò che leggo.
Ciao :-)

Scrivi un commento


YoYo - Formazione rotolante, Via Zara 30, 36040 Orgiano (VI) - Tel. +39 349 2207339 - P.IVA 03441480245
Per iscrivervi ai corsi o ricevere maggiori informazioni contattate Mariangela Balsamo scrivendo a mariangela.balsamo@yoyoformazione.it