« Si può fare Web Marketing con 100 euro al mese? | Main | Corso di uomologia - 30 e 31 febbraio a Milano »

L'importanza dei trackback ai fini del posizionamento

Leggendo in rete, mi accorgo come molti blog non gestiscano i trackback, perdendosi una delle più importanti opportunità che il Web offre ad oggi.

Chiaramente non tutti sono interessati alla visibilità, al posizionamento, ecc. e lasciamo quindi perdere tale contesto. Restiamo invece su quelli che invece hanno interesse a ciò.

I trackback sono importantissimi, al punto che io non farei mai scegliere ad un cliente una piattaforma che non li gestisca. Mai e poi mai, tanto più che ce ne sono diverse gratuite che li supportano perfettamente.

Perché sono importanti, secondo me?

Intanto, lo ricordo, i trackback sono link. Quando diamo a qualcuno la possibilità di chiederci un trackback, avrà maggiore desiderio di "linkarci". Io, ad esempio, tra due post egualmente interessanti (questo è ovvio), scelgo sempre quello che mi concede il trackback, no-follow o no.

Avere in fondo i trackback a chi vi ha citati, indica ai visitatori che siete autorevoli. Si suppone che avere citazioni implichi che il vostro post sia stato d'interesse. Altro motivo per averli.

I trackback contribuiscono alla definizione del tema ed al rafforzamento di entrambe le due parti del collegamento. Badate, non stiamo parlando di link incrociati sistematici, che avrebbero invece effetti disastrosi. Un link incrociato tra due pagine, quando è ben fatto è ben lungi dall'essere pericoloso, anzi.

La presenza di trackback sul vostro post, ad utenti smaliziati indica che non avete paura di mettere link ad altri. Non temete, insomma, che il vostro visitatore possa non tornare dopo aver seguito il trackback. Se su blog con piattaforma che gestisce i trackback vedo che questi sono disattivati, penso immediatamente ad un certo desiderio di chiusura e l'impressione che ne provo è negativa. Poi ognuno ovviamente è libero di ragionare come gli pare.

Ovviamente gestire i trackback ha qualche onere e principalmente parliamo dello spam. Non vorrei dilungarmi sulla cosa, ma su tutti i blog su cui scrivo ed ho scritto, vi garantisco che lo spam l'ho sempre tenuto sotto controllo e parlo anche di blog con migliaia di visitatori giornalieri. Quindi, non state a raccontarmi che disabilitate i trackback solo per questo, che non ho alcuna intenzione di credervi

Che bisogna fare, quindi?

  • Studiamo per capirne appieno le opportunità ed i meccanismi.
  • Scegliamo una piattaforma che li gestisca.
  • Ricordiamoci di attivarne il meccanismo (non sempre lo è di default).
  • Evidenziamo in modo chiaro la URL di trackback, senza dare per scontato che tutti sappiano ricavarsela in automatico.
  • Scegliamo una chiara policy anti-spam, in parte automatica, in parte manuale ed atteniamoci.

Commenti (2)

Ma avere tanti trackback non può essere visto male da Google?

Dipende da cosa intendi per tanti. Avere 100 forse si può avere una perdita in termini di Posizionamento, ma questa perdita è largamente compensata da altri vantaggi (anche in termini di posizionamento).

Avere 10, invece, porta solo vantaggi senza alcun svantaggio.

Scrivi un commento


YoYo - Formazione rotolante, Via Zara 30, 36040 Orgiano (VI) - Tel. +39 349 2207339 - P.IVA 03441480245
Per iscrivervi ai corsi o ricevere maggiori informazioni contattate Mariangela Balsamo scrivendo a mariangela.balsamo@yoyoformazione.it