« Posizionamento sui motori di ricerca di YoYo | Main | Anno accademico 2008-2009 completo »

IAB Seminar 2008, un flop?

Ok, leggete tutto sino in fondo, prima di tacciarmi dell'antipatico solo per aver letto il titolo

Allo IAB Seminar 2008 per conto di noi di YoYo - Formazione rotolante c'è andata Mariangela. Io invece a sera sono stato ad una cena con altri partecipanti e naturalmente ho ciattato con decine di persone che allo stesso modo vi sono state. Chiaramente mi sono anche letto quello che molti blogger hanno scritto sull'evento.

Facciamo, assieme , qualche considerazione?

Tutti parlano bene dell'organizzazione, della location, degli amici incontrati, dell'atmosfera generale, ma dei contenuti, nulla di nulla. Non ho trovato un solo commento lusinghiero sui contenuti. Niente di negativo, ma nulla di chiaramente positivo. Anzi, qualcuno esplicitamente qualcuno dice che "non ero il target di questo appuntamento per tanto non potrei fornire un feedback significativo".

Altri, in chat e dal vivo, mi hanno detto che "i contenuti erano basici, basici". Ovvio, erano pensati per le aziende, invece coloro i quali lo dicevano erano operatori. Mariangela, poi, lasciamola perdere, che era lì solo per prendersi una giornata di ferie (ora m'uccide ), quindi il suo giudizio, negativo, non conta! (come? cosa dici? Non è negativo? Allora perché non l'hai scritto? )

Sempre in chat, molti di quelli che conosco mi hanno detto di esserci andati non tanto perché erano interessati ai prodotti o ai relatori, ma solo per incontrare e salutare le persone e amici che si sapeva che ci sarebbero stati (tra il pubblico in sala). Certo, anche questo è positivo, ma mi chiedo se corrisponda alle intenzioni degli organizzatori

S'è parlato di ROI, dell'importanza del non misurarlo sui click e sul traffico, ma sulle vendite, sulle opportunità commerciali e sul fatturato. Beh? Gli organizzatori e gli sponsor, che dicono del ROI di questo evento, dato che per loro stessa ammissione c'erano quasi solo operatori e non aziende potenziali clienti? Qualcuno parla di un 80% di operatori e del restante 20% di aziende... se fosse vero, mi pare scarsino assai, in relazione ai soldi spesi e poi su quel 20%...

...aggiungete il fatto che tra quelle aziende ve ne erano diverse mie clienti, che conoscono bene i concetti esposti e che se ne sono andate a metà evento... Altre erano, sempre per mia conoscenza diretta, persone che si sono presentate come aziendali, in realtà erano lì per avere qualche informazione perché sono a caccia di un lavoro... Questo 20% si riduce un pochino ed ovviamente parlo solo delle mie conoscenze.

Altri operatori mi hanno detto "di aver solo visto facce note". Della serie, "ce la diciamo e ce la cantiamo sempre tra noi", senza speranza, senza coinvolgimenti esterni, senza che a nessuno di quelli che contano la cosa interessi più di tanto. Diciamo cose interessanti, che vengono ascoltate solo da altri che ben le sanno e le dicono pure loro, e mancano invece quelli a cui sono destinate!

La cosa è grave non per il fatto in sé, ma perché i contenuti a questo punto sono risultati completamente fuori contesto. Sarebbero andati bene alle aziende, ma con questa ripartizione delle presenze, si capisce perché poi nessuno ne parli.

Non voglio esprimere un giudizio negativo per l'organizzazione, che sicuramente ha fatto ciò che ha potuto e forse l'ha fatto nel migliore dei modi. Probabilmente è il contesto italiano che ancora ha qualche problema o è il tipo di evento ed il suo modello che generano situazioni di difficile gestione. Si fa un evento pubblico, gratuito, ovviamente poi non si può selezionare i partecipanti (o si diverrebbe veramente antipatici, facendolo). Non si riesce ad impedire che ci siano quelli che in fondo non vorremmo o che comunque non rappresentano il nostro target. Noi speriamo che vengano quelli che ci interessano, siamo costretti ad accettare tutti, poi ci vantiamo del pubblico numeroso (come vantarsi del traffico del sito) e ci scordiamo di quel famoso ROI di cui parliamo ed insegniamo (cioè il conversion rate sembra restare lettera morta, di cui si parla tanto, ma poi noi stessi ce ne scordiamo perché altrimenti dovremmo ammettere che è fallimentare).

Certo, qualcuno potrà dire che in fondo l'evento poteva interessare anche agli operatori e anche loro sono potenziali clienti, ma, mi chiedo, ne siamo realmente convinti? Tra tutti quelli che io conosco, parlo di quasi un centinaio di persone, non uno era un potenziale cliente. Anzi, molti di loro erano lì a caccia di clienti

Possiamo parlare di un flop?

[...rumore di fradefra che scappa per evitare le solite uova marce...]

Commenti (2)

Non concordo con la prima parte del tuo post. Personalmente ho apprezzato molto i contenuti e ne ho parlato (scritto).

Per quanto riguarda il target assente è vero; il ritorno commerciale è stato praticamente nullo. Non parliamo poi della cultura del Web, che non si diffonde mai al di fuori della ristretta cerchia di appassionati e addetti ai lavori.

D'altro canto, una delle cose che ho apprezzato di più è stata l'assenza dell'area espositiva: quando è presente, rimango sempre bloccata lì e non ho occasione di confrontarmi con i colleghi di altre aziende. Penso che per me, come per altri, il confronto sia un'occasione di crescita preziosa.

Tornando a parlare di ROI, penso che sia importante anche la fidelizzazione dei clienti e dei partner, sia per lo speech tenuto dai responsabili aziendali, sia per le chiacchiere durante il buffet.

Insomma, per dirla come ConversionLab (concedimi lo spot), ci sono state azioni di conversione (poche) e azioni rilevanti (tante e varie).

Ciao Giada, spot concesso :)

Grazie per il tuo commento. Il mio post era volutamente provocatorio. Non cerco i commenti di chi la pensa come me, ma anche e soprattutto di quelli che non la pensano come me. Almeno che ci sia un po' di confronto, utile a tutti :)

Buone vacanze :)

Scrivi un commento


YoYo - Formazione rotolante, Via Zara 30, 36040 Orgiano (VI) - Tel. +39 349 2207339 - P.IVA 03441480245
Per iscrivervi ai corsi o ricevere maggiori informazioni contattate Mariangela Balsamo scrivendo a mariangela.balsamo@yoyoformazione.it